Per sostenere la diffusione di una corretta alimentazione, soprattutto nelle fasce giovani della popolazione, Michelle Obama sostiene la messa al bando di ogni comunicazione pubblicitaria relativa a prodotti così detti “junk food” (come snacks, bevande gassate etc) all’interno delle scuole americane. Fortunatamente, almeno per ora, la comunicazione di qualsivoglia marca non è ufficialmente presente nelle nostre scuole, ma il proliferare dei distributori automatici deve farci riflettere sui rischi e sulle opportunità di passare comunque un messaggio diverso agli studenti, magari inserendo prodotti del commercio equo o del territorio.

Per leggere l’articolo sul caso americano:
LINK – sustainablebrand.com